Pagina di esempio.

Devi tagliare il piano cucina?

   Come tagliare il piano cucina al meglio? Hai acquistato nei brico/ikea un nuovo top che devi adattare alle misure della tua cucina, ma non sai che attezzi usare, e soprattutto come tagliare piano cucina in sicurezza. Leggi questa breve guida per procedere al meglio!

 Cambiare il top della cucina, richiede l’  utilizzo di  un attrezzo particolarmente pericoloso, da non sottovalutare, come la sega circolare portatile..E’ vero che risolve molte situazioni, ma va usata sempre con cautela, specialmente per rifare il top cucina ( grosso spessore ).Il blocco improvviso della lama, può scagliare la macchina verso l’ operatore in modo improvviso.

   Dopo questa fondamentale premessa, una volta presa confidenza con la macchina ( non troppa! ) ti consentirà di risolvere molte situazioni, evitando di rivolgerti  al servizio taglio su misura dei brico. Vediamo nel concreto come tagliare il piano cucina.

    Prima di iniziare a tagliare, prendi la misura per bene dei mobili cucina.. Se il top va messo tra due pareti lascia  un cm. in meno della misura. Nel caso non ci siano pareti, taglia il piano mezzo cm. in più della misura dei mobili. Prepara per bene l’ ambiente, ( adeguata ventilazione), togli l’ imballaggio dal top con un cutter ( senza danneggiarlo!;)

Dispositivi antinfortunistici:

  • Cuffiette per il rumore (vanno bene quelle gialle a tappino, nei brico)
  • Paio di occhiali paraschegge
  • Mascherina antipolvere ( se c’è buona ventilazione, non serve)
  • I guanti sono optional ( anzi a mio avviso diminuiscono la sicurezza durante l’ uso della macchina, non hai sensibilità)

Attrezzi necessari:

  • Due robusti cavalletti in legno
  • Prolunga con presa tedesca
  • Stasa di alluminio/fascia di legno come guida
  • Due morsettini per fissare la stasa/fascia
  • Sega circolare portatile ( se la compri nei brico, prendi pure la più economica)

Tagliare il piano della cucina step by step:

  • Posa il piano sui cavalletti e assicurati che sia stabile
  • Segna la misura sul piano ( tieni conto che andrà incollato un bordo di finitura)
  • Fissa la stasa in alluminio/ legno, all’ opportuna misura con i morsetti
  • La stasa deve sempre essere più lunga in entrata/ uscita del pezzo da tagliare ( vedi video)
  • La lama deve essere circa mezzo cm + alta del pezzo da tagliare
  • Tieni saldamente la macchina durante l’ uso, procedi costante, ma esci piano. 

Taglia sempre in sicurezza, con calma, e usando pezzi grandi. Metti un peso sopra il piano; quando tagli con la macchina, il pezzo che rimane, non si muove. Se non utilizzi la sega circolare, stacca sempre l’ alimentazione.

Bene se hai seguito tutti gli step, hai di certo concluso il lavoro! Se la breve guida ti è stata utile, oppure hai qualche domanda, lascia un commento. Ciao!

 

 

 

 

 

 

 

Sapere come smontare una porta velocemente

come smontare una porta, come montare una porta, come montare porte interne, come si monta una portaStai imbiancando casa, e hai bisogno di sganciare i serramenti?Devi fare una riparazione?Sapere come smontare una porta interna nel modo corretto, è importante per non danneggiarla, fare velocemente e senza fastidi!

Non è necessario chiamare persone esperte, per sapere come smontare una porta. Per ottenere un buon risultato, basta sapere quali sono gli errori da evitare. Non tentare mai di smontare una porta usando cacciaviti (come quello che vedi nelle immagini) per cercare di farla uscire dalle cerniere.

Attrezzi necessari ( se porte difficili/pesanti da togliere).

  • Scalpello larghezza 25-30 mm.

Segui questi step in ordine, per un buon risultato:

Come smontare una porta-step:

  • Apri completamente la porta
  • Mani un’ pò più basse della metà porta
  • Una mano sotto la cerniera centrale, l’ altra all’ altezza della chiave
  • Muovi la porta ( come nel video) e contemporaneamente solleva
  • Se particolarmente pesante, usa lo scalpello
  • Posa la porta in sicurezza ad un muro.

Come montare una porta-step:

  • NON METTERE MAI LE DITA SOTTO LA PORTA
  • Porta in posizione quasi completamente aperta
  • Fai in modo che le 3 cerniere ( anuba ), siano perfettamente allineate; se hai difficoltà fatti aiutare..uno controlla la cerniera sotto, l’ altro la centrale e superiore.
  • Prova il corretto funzionamento della porta ( apri e chiudi l’anta), chiudi apri chiave.

Bene, hai completato il lavoro! Nel caso tu debba smontare porte d’ ingresso particolarmente pesanti, fatti sempre aiutare da qualcuno ( possono pesare parecchio!). Se l’ articolo ti è stato utile, lascia un commento, o iscriviti alla nostra newsletter! Ciao!

 

 

 

Come smontare un cassetto scorrevole da cucina

Come smontare un cassetto, come togliere cassetti scorrevoli, smontare cassetti scorrevoli, come smontare cassetto scorrevoleStai facendo pulizia, e vuoi sapere come smontare cassetto scorrevole della cucina velocemente? Niente di più semplice! Capita che quello che sembrava una cosa banale, ti faccia perdere tempo..

E’ importante conoscere il giusto metodo e sapere come smontare il cassetto scorrevole, per evitare danneggiamenti anche costosi alle guide, e non credo tu voglia questo. Per questo prenditi cinque minuti, e con un’ pò di pazienza potrai togliere/rimontare i cassetti scorrevoli senza problemi.

Questo breve articolo ti può essere utile anche se sei riuscito a smontare il cassetto scorrevole, ma non riesci a rimontarlo! Bene, procediamo;)!

  1. Apri completamente il cassetto
  2. Mani all’ altezza del frontale
  3. Alza in modo deciso il cassetto verso l’alto
  4. Riporta le guide nel mobile

Sapere come togliere i cassetti scorrevoli, può esserti d’aiuto anche per cassetti d’ armadio dello stesso tipo. Ora, procedi nel seguente metodo per rimontare i cassetti..

  1. Estrai completamente le guide scorrevoli
  2. Posa il cassetto alla metà delle guide; fai in modo che sia dritto
  3. Con un gesto deciso, spingi il cassetto verso il mobile

Ok, sei riuscito a completare il lavoro! Se il cassetto non chiude perfettamente, rifai l’ operazione seguendo bene i passaggi. Ti ringrazio per la lettura di questo post, se vuoi lascia un commento! Ciao

Puoi trovare più info nel nostro sito http://www.massimomaffucci.com

 

 

 

Come scegliere i tasselli

Se hai bisogno di agganciare al muro una mensola, un quadro, una libreria ecc. Avrai certamente bisogno di:

Tasselli

Prima di addentrarci in quest’argomento di notevoli dimensioni sia per quantità di nozioni sia per la vastità degli articoli che comprende, diamo immediatamente tre definizioni di base che hanno lo scopo di spiegare a chiunque anche a un bimbo cosa sono i tasselli.

Cos’è un tassello?

Il tassello (comunemente conosciuto come stop oppure come Fisher) è un sistema di fissaggio a muro utilizzato negli edifici, progettato per consentire una maggiore aderenza delle viti all’interno delle pareti.(Wikipedia).

Tasselli di varie dimensioni 

Come scegliere i tasselli-falegnamepadova.altervista.org

Dove posso acquistare i tasselli?

Nelle migliori ferramente e nei centri fai-da-te. Scegli sempre tasselli di qualità. Ci sono varie marche tra le migliori Fischer marchio storico di Padova. Anche Friulsider è buona. E’ cosa fondamentale, che siano prodotti di qualità e non di concorrenza (ci sono diverse imitazioni d’ importazione a basso costo) dove risparmi denaro nell’acquisto, ma perdi più tempo nell’applicazione e non danno mai garanzia di ottima tenuta.

Quali attrezzature mi servono?

Ti serve una scala della giusta altezza, un trapano con percussore, punta da muro del diametro necessario al tassello che dovrai inserire martello e pinza. Inoltre ti servirà un metro, matita una bolla o livella. Altra dotazione che è preferibile avere, anche se potresti fare ugualmente. Tappi antirumore (il rumore del trapano percussore può danneggiare l’udito) mascherina per la polvere, occhiali protettivi. Ora che hai le definizioni di base procediamo.

Quale tassello scelgo?

Per capire quali acquistare devi in sintesi fare queste valutazioni: la prima è capire la conformazione del muro.

  • Di che materiale è fatta la parete da forare?
  • Che cosa devo appendere? Dimensioni)
  • Che peso ha?

Partiamo dal primo punto. Si potrebbe fare un foro, vedere la polvere che esce, e secondo questa decidere. Il calcestruzzo ha polvere grigia e grossa, inoltre la penetrazione della punta è più difficoltosa. La muratura invece, sia piena o di mattoni forati, ha una polvere rossa. I pannelli di cartongesso producono polvere bianca sottile anche irritante.  Partendo dal presupposto che tu non voglia fare un foro di prova, potresti procedere in questo sistema, usando un martello di gomma, battendo sulla parete e ascoltando il suono che produce.

  • Calcestruzzo: rumore sordo e rigido
  • Muratura: il rumore sarà più soffice
  • Pannelli: suono vuoto

Se con questi metodi non si riesce a capire qual è il tipo di materiale e devi acquistare un certo numero di tasselli, potresti togliere una presa elettrica (dopo avere staccato l’interruttore ovviamente!) e da lì hai modo con certezza di vedere la tipologia di materiale.

Ora passiamo al secondo e non meno importante passo: cosa devo appendere e che dimensioni ha? E’ il momento di individuare il tassello più adatto. Dobbiamo prendere in considerazione il peso dell’oggetto e se questo sarà “appeso” o “fissato”. Qual è la differenza? Un pensile cucina sarà “appeso” un quadro sarà appeso, mentre un cancello o una staffa a muro saranno “fissati”. Ricorda che più pesa l’oggetto da attaccare, più aumenterà il diametro del tassello. Se devi procedere e hai dei dubbi, puoi contattarci inviando una email.In sintesi:

  • Qual è il supporto? (muro, cemento, cartongesso)
  • Che cosa devo appendere? (pensile, quadro, lampadario, mensola)
  • Quale tassello? ( in base al peso scelgo il diametro, tipo di gancio, se normali o chimici)

L’argomento è davvero vasto e ci sono molte variabili e situazioni. Se quest’articolo ti è stato utile, lascia un commento, grazie ciao!

 

 

 

Come misurare il fuori squadro

La verifica accurata degli angoli delle pareti,  prima di ordinare i mobili cucina, è essenziale per evitare errori e costosi adattamenti del piano durante la fase di installazione; in special modo nel caso di piani in okite, pietra, marmo; ma pure con quelli in laminato.

visualizzazione del triangolo 100 x 100 x 141,5, corrispondente allo squadro-falegnamepadova.altervista.org

E’ un’operazione che puoi svolgere personalmente, con un’ po’ di attenzione, seguendo la lettura di questo breve articolo; non richiede particolari competenze. Oppure, se preferisci, richiedi il nostro servizio Rilievo misure. Dopo aver riportato le misure, è consigliabile fare una sagoma in compensato.

MATERIALE NECESSARIO:

  • Un metro a nastro
  • Una matita con punta grossa ( da muratore)
  • Un foglio di carta millimetrata.
  • Un eventuale foglio di compensato 110 x 110 almeno.
  • Nastro giallo da 3 cm.

Usare il nastro giallo ti permette di:

  • Visualizzare meglio l’operazione
  • Non sporcare il muro (anche se andrà coperto).

Se la parete è in squadro, con lati100  e 100 la diagonale sarà 141,5.In caso di fuori squadro potresti avere 2 situazioni:

  1. La diagonale è < 141,5, di conseguenza ha un angolo< 90°. La lunghezza dei mobili deve essere minore di quella della parete, specialmente se in fondo hai lavastoviglie, forno, cassetti, cesti, cioè elementi fissi che non possono essere accorciati o modificati.
  2. La diagonale è > 141,5 l’angolo è > 90°. La misura dei mobili può corrispondere a quella della parete. La differenza si noterà nella parte davanti alla fine della cucina, compensata con una fascia di tamponamento adattata.

N.B

Nel caso La diagonale sia inferiore di un paio di millimetri, cioè invece di 141,5 è 141,3 non c’è problema se la parete non è troppo lunga. Se l’articolo ti è stato d’aiuto (oppure no) lascia un commento grazie.